Informazioni

Produttori

Nuovi prodotti

  • THINK-502X
    THINK-502X

    CARTUCCIA COMPATIBILE UTILIZZABILE SU:MS410,MS510,MS610Colore:NERO...

    91,99 €
  • THINK-62XLBK
    THINK-62XLBK

    CARTUCCIA COMPATIBILE UTILIZZABILE SU:HP...

    18,00 €
  • THINK-62XLC
    THINK-62XLC

    CARTUCCIA COMPATIBILE UTILIZZABILE SU:HP...

    19,98 €
  • THINK-62B
    THINK-62B

    CARTUCCIA COMPATIBILE UTILIZZABILE SU:HP...

    10,98 €

Fornitori

  • Fashion Supplier
  • THINK Brother Colore
  • THINK Brother Drum
  • THINK Canon Colore
  • THINK Canon Testina

I più venduti

  • THINK-TN3380

    CARTUCCIA COMPATIBILE UTILIZZABILE SU:HL 5440 D, HL 5450 DN, HL 5470 DW,...

    39,99 €
  • THINK-TN2320

    CARTUCCIA COMPATIBILE UTILIZZABILE SU:HL L2300,DCP L2500,MFC...

    28,50 €
  • THINK-TN2220

    CARTUCCIA COMPATIBILE UTILIZZABILE SU:HL 2240, HL 2270DW, HL 2250, MFC...

    28,50 €
  • THK-T0711
    THK-T0711

    CARTUCCIA COMPATIBILE UTILIZZABILE SU:Stylus D78, D78, D92, DX...

    5,00 €
  • THINK-TN1050
    THINK-TN1050

    CARTUCCIA COMPATIBILE UTILIZZABILE SU:DCP1510,1512...

    22,50 €
  • THINK-TN2010

    CARTUCCIA COMPATIBILE UTILIZZABILE SU:HL 2130,Dcp 7055 7057.1K TN 2010...

    24,40 €

Speciali

Nessun prodotto scontato al momento.

Categorie

“Circular Economy”: una risposta plausibile all’emergenza rifiuti in Sicilia

“Circular Economy”: una risposta plausibile all’emergenza rifiuti in Sicilia

In occasione del recente Forum annuale sui rifiuti svoltosi a Roma e organizzato da La Nuova Ecologia, Legambiente e Kyoto Club e del convegno tenutosi a Bruxelles lo scorso 21 Ottobre, un argomento molto discusso è stato quello dell’economia circolare, sia come scommessa che l’Italia dovrebbe accogliere che come nuova e vincente strategia europea in fase di sviluppo.

La “Circular Economy” non è una parola nuova nel panorama dell’ecosostenibilità ambientale. Già negli anni Settanta, all’interno delle università statunitensi, si cercava di capire come fare del “rifiuto” una risorsa e poterne ricavare ricchezza. Ed è proprio da alcune teorie produttive dell’epoca che ha origine questa nuova e vantaggiosa forma di green economy.

Non si tratta di una forma alternativa di smaltimento del rifiuto, ma di un modo nuovo di concepire il prodotto ab initio. Il principio che sta alla base è quello di realizzare, già in origine, prodotti privi di materiali di scarto e destinati al riutilizzo secondo un sistema “circolare” di gestione del prodotto. La concezione tradizionale del ciclo di vita dei beni si fonda invece su un tipo di economia “lineare” articolato in “ideazione, produzione e smaltimento del rifiuto”.

E’ chiaro quindi che non esiste più il rifiuto in quanto tale, perché i materiali vengono progettati per poter essere utilizzati in nuovi prodotti destinati a nuovi scopi. Ad oggi non esiste una politica nazionale e men che meno regionale che la favorisca al punto tale da soppiantare l’investimento indirizzato alla costruzione di inceneritori e termovalorizzatori. La gestione dei rifiuti urbani rimane pertanto ancora molto legata al concetto di discarica.

La Sicilia e il capoluogo palermitano vivono da tempo una situazione di criticità, dovuta in parte ad un problema di impiantistica e in parte ad un problema di governance. Un “disordine organizzato” che ha portato ad una vera e propria paralisi del sistema regionale dei rifiuti e che oggi necessita quanto più possibile, di una “exit strategy” che sia in grado di far superare l’impasse. Politiche e impianti di riciclo e riuso, come ad esempio quello della “Circular Economy”, andrebbero quindi promosse, favorite e contemplate come soluzioni valide e concrete per fronteggiare la sempre più incalzante e preoccupante emergenza rifiuti siciliana.

In attesa che un cambiamento rivoluzionario di questo tipo riesca ad ottenere la dovuta attenzione all’interno delle politiche regionali ambientali, la Ati Network fa propria la filosofia dell’economia circolare e attraverso la sua attività di riciclo dei toner e delle cartucce e il recupero delle risorse, opera affinché, a piccoli passi, si possa fare largo a quel cambiamento che tanto serve alla città di Palermo e si possa costruire un sistema economico ed ecologico che perduri nel tempo.

Pubblicato il 27/10/2015 11:42:38
Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Aggiungi un commento
Nome:*
Email:*
Messaggio:*
  Captcha
  Aggiungi un commento

PayPal